Sicurezza

Tutte le nuove leggi sulla sicurezza stradale, aggiornate periodicamente e spiegate per voi da Occhio alle 2 Ruote.

In due sullo scooter a 16 anni                        

A partire da agosto 2015 i sedicenni e diciassettenni in possesso di patenti AM, A1 e B1 possono trasportare un passeggero a bordo dei ciclomotori (prima era possibile soltanto a 18 anni).
Il divieto resterà attivo solo per i quattordicenni e in caso di ciclomotori non omologati al trasporto di due passeggeri.
Con l’eliminazione del divieto l’Italia si è quindi adeguata al diritto comunitario.

La sanzione amministrativa prevista dal Codice della Strada per i conducenti minori di sedici anni che trasportano un passeggero a bordo del proprio ciclomotore va da 81 a 326 euro.
È inoltre previsto il fermo amministrativo del veicolo per 60 giorni.
Resta invece in vigore il divieto di trasportare su scooter e motocicli bambini con meno di 5 anni.
È possibile il trasporto di bambini di almeno 5 anni solo se i ciclomotori sono dotati di un adattatore che garantisca una posizione stabile e sicura.

Reato di omicidio stradale e lesioni personali stradali                     

A giugno 2015 il Senato ha approvato il disegno di legge sull’omicidio stradale.
Vengono così introdotti i nuovi reati di omicidio stradale e lesioni personali stradali

Per chi causa la morte di qualcuno guidando in stato di ebbrezza o sotto effetto di stupefacenti è prevista la reclusione da 8 a 12 anni.
Se il conducente è lucido e sobrio, ma guida ad una velocità pari al doppio di quella consentita, è prevista la reclusione da 4 a 8 anni.
In caso di omicidio multiplo, la pena può essere triplicata anche se non può superare il limite massimo di 18 anni di reclusione.
È previsto l’obbligo di arresto in flagranza.

Per chi procura lesioni permanenti guidando in stato di ebbrezza o sotto effetto di stupefacenti è prevista la reclusione da 6 mesi a 2 anni.
Nel caso di lesioni gravissime, la pena aumenta da un terzo alla metà.
In caso di lesioni a più persone la pena può essere triplicata anche se non può superare il limite massimo di 7 anni di reclusione.
È previsto l’arresto facoltativo in flagranza.